Home Prodotti Tipici La Ricetta de Carnevale Messinese: i Sfinci di Cannaluvari

La Ricetta de Carnevale Messinese: i Sfinci di Cannaluvari

by LoWeb Agency
La Ricetta de Carnevale Messinese: i Sfinci di Cannaluvari

Il Carnevale è sempre più vicino e come tradizione ogni festività a Messina si contraddistingue per avere un dolce tipico. Senza dubbio il dolce più famoso del Carnevale Messinese è la Pignolata, di cui vi abbiamo già parlato, ma non vanno assolutamente dimenticati le “Fraviole Messinesi o i “Sfinci di Cannaluvari.”. Le sfinci sono dei dolci tipici che vengono preparati nel periodo di Carnevale e durante le feste di Natale.

A seconda della località, si considera il nome “sfince” femminile o maschile. Si dice, infatti, ”le sfinci”, “gli sfinci” o “i sfinci”. Per la stessa varietà lessicale, in alcune zone vengono chiamate “sfincie” o “Sfince”. Occorre precisare che vengono chiamate spesso anche “spinci”.

La ricetta che vi presentiamo è diversa dalla ricetta delle “Sfinci di S. Giuseppe”, di cui vi parleremo prossimamente. Questa è la versione tipica del Carnevale.

INGREDIENTI:

Per l’impasto:

500 g di farina 00, 25 g di lievito di birra, acqua q.b., 1 cucchiaio abbondante di olio extravergine d’oliva, 2 cucchiai di zucchero, la buccia grattugiata di un limone o di un’arancia non trattati (facoltativo), 150 g di uva passa, poco meno di mezzo cucchiaio di sale.

Per spolverizzare:

zucchero semolato e qualche pizzico di cannella in polvere.

Per friggere:

olio di semi di arachidi.

Fare rinvenire l’uva passa in una tazza di acqua tiepida. Dopo una decina di minuti, scolarla ed asciugarla. Setacciare la farina. Versarla in una ciotola a formare la classica fontana. Versare nella cavità l’olio ed il lievito sciolto in mezzo bicchiere di acqua tiepida. Iniziare a lavorare l’impasto, aggiungendo, in successione, lo zucchero, la buccia grattugiata di limone o di arancia (facoltativo) ed il sale. In ultimo, unire l’uva passa infarinata.

Continuando a sbattere, aggiungere, a poco a poco, l’acqua tiepida indispensabile per ottenere una pastella morbida e vellutata. Continuare a lavorare l’impasto, sbattendolo con la mano leggermente flessa e le dita aperte, in modo da smuoverlo con il palmo della mano e, contemporaneamente, lasciarlo scivolare tra le dita. Proseguire, sbattendo energicamente l’impasto, finché risulterà perfettamente liscio ed omogeneo. Occorreranno all’incirca tra i 15 ed i 20 minuti dall’inizio della lavorazione. A questo punto, coprire la ciotola e lasciare lievitare l’impasto per 2-3 ore o fino a quando sulla sua superficie cominceranno ad apparire delle bollicine.
Friggere, poi, le sfinci, poche alla volta, a cucchiaiate nell’olio caldo. Appena diventeranno gonfie e dorate, prelevarle con una schiumarola forata e metterle a sgocciolare su carta assorbente da cucina. Lasciarle raffreddare e, prima di servirle, rotolarle, una per una, nello zucchero semolato mescolato alla cannella.

You may also like

Leave a Comment