Home Prodotti Tipici Non può essere Carnevale senza le Fraviole Messinesi

Non può essere Carnevale senza le Fraviole Messinesi

by LoWeb Agency
Non può essere Carnevale senza le Fraviole Messinesi

Nel nostro precedente articolo vi abbiamo parlato della Pignolata messinese. Per ringraziarVi dell’affetto e dell’entusiasmo col quale lo avete letto sul nostro blog, oltre che commentato e condiviso sulla nostra pagina Facebook, oggi vi parliamo di un’altra ricetta prettamente carnevalesca: quella delle “Fraviole Messinesi”.


Molto note anche come “Panzerotti” o “Cassatelle”, il loro nome originario rimanda al “raviolo”, classico piatto della cultura e tradizione italiana. Ma in questo caso parliamo di un dolce saporito, amato da molti cittadini messinesi e diffuso soprattutto nella zona tirrenica della provincia, specialmente durante le sfilate dei carri allegorici che animano i viali e le piazze dei nostri paesi.

Le “Fraviole” sono delle mezzelune di pasta dolce, tipicamente ripiene di ricotta e gocce di cioccolato, ma ne esistono infinite possibili varianti con crema pasticciera, crema al cioccolato e marmellate varie. Si hanno poche informazioni certe sulla storia di questo dolce ma le fonti più attendibili parlano di una diretta discendenza dagli arabi. Alcuni invece le associano alla tradizione dei tanti dolci nati nei conventi siciliani, di cui vi parleremo nei prossimi articoli.

Invitiamo come sempre i nostri Amici Messinesi ad aiutarci a migliorare le nostre ricette coi loro commenti, ma seguendo i suggerimenti della Signora Domenica – che ringraziamo – gli ingredienti per degli ottimi panzerotti sono i seguenti:

Per l’impasto (di circa 15 panzerotti):
• farina 00: 300 gr.
• zucchero: 1 cucchiaio
• burro: 50 gr.
• 1 cucchiaio di Vermuth
• 1 tuorlo d’uovo
• acqua: q.b.
• 1 pizzico di sale

per il ripieno di ricotta:
• ricotta: 400 gr.
• zucchero: 200 gr.
• gocce di cioccolato
• un pizzico di vaniglia
• buccia di arancia grattugiata finemente

per friggere: olio di semi di arachide
per decorare: zucchero a velo

You may also like

Leave a Comment